L’Outremer

Attraversando il Mediterraneo≈≈≈≈≈  Mappa dettagliata del navi-cammino  ≈≈≈≈≈

Pellegrini dell’Oltremare

maggio- luglio 2014

Dall’Italia alla Terra Santa attraversando il Mediterraneo.
Questo è il racconto di un sogno diventato realtà:
– una barca a vela
– 6 pellegrini
– un mare da attraversare seguendo le antiche rotte che portavano in Terra Santa, la terra oltre il mare, l’Outremer.

Abbiamo incontrato i capricci del mare, affrontato la lunghezza del viaggio, incontrato ciò che non avevamo previsto e siamo riusciti ad andare dove avevamo progettato.
Abbiamo deciso di lasciare attivo questo blog, nato nella primavera del 2014 per raccontare l’avventura di questo pellegrinaggio.
Ogni giorno abbiamo ancora tante visite, così continueremo a tenere condiviso questo sogno, e chissà che un giorno altri lo potranno vivere così come lo abbiamo vissuto noi.

1

Finibus Terrae

Al capo di Finibus Terrae, presso il Santuario di Santa Maria di Leuca

E’ un appello forte quello di questo mare. Il Mediterraneo ci invita ad attraversarlo, a passare al di là, ad andare oltremare, nell’Outremer che fu l’incanto di tanti. Non possiamo farci niente, è più forte di noi. Gerusalemme ce l’abbiamo dentro, è un richiamo che cresce, un’eco che ci frastorna, un dolce nodo che sale fino alla gola.

(da La Via Francigena del sud, Monica D’Atti e Franco Cinti)

 ≈≈≈≈≈  Tappe del cammino  ≈≈≈≈≈

  • 3 maggio 2014: al Fraglia Vela – Porto Maratona  – Desenzano del Garda (BS)
    alle ore 15,00, per i saluti e gli auguri a THAI ed al suo equipaggio per la partenza del pellegrinaggio via mare da Desenzano alla Terra Santa. Nel corso della manifestazione Don Francesco benedirà la barca www.fragliavela.it/news/il-pellegrinaggio-del-thai-terra-santa
  • 5 maggio: varo di Thai in mare a Marghera e partenza di Beppe e Uliano;
  • 8/12 maggio: passaggio da Trieste per salutare tanti amici, presentare ufficialmente il pellegrinaggio e imbarcare Lorenzo;
  • tra il 15 e il 20 maggio: navigazione lungo l’Adriatico facendo tappa ad Ancona, Ortone, Isole Tremiti, Vieste e arrivo a Manfredonia (l’antico porto di Siponto);
  • 22 maggio: arrivo di Monica, Paola e Silvia, benedizione del vino per il Santo Sepolcro all’Abbazia di San Leonardo di Siponto, benedizione dei pellegrini al Santuario di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo sul Gargano, saluto da parte della confraternita di San Jacopo di Compostella www.confraternitadisanjacopo.it/ ;
  • 23 maggio: partenza all’alba con l’equipaggio completo;
  • 24 maggio: arrivo ad Otranto;
  • 25 maggio: partenza verso la Grecia;
  • 29 giugno (santi Pietro e Paolo): arrivo in Terra Santa;
  • 5 luglio: partenza a piedi da Giaffa;
  • 10 luglio: arrivo al Santo Sepolcro.

Per preparare il piano di navigazione abbiamo studiato vari resoconti e abbiamo così seguito l’itinerario storico toccando gli approdi usati da tutti coloro che sono andati nei secoli verso l’Outremer. Le tappe e la durata della navigazione sono state legate alle condizioni del mare, al tempo atmosferico e al vento:

1. Costa della Puglia fino ad Otranto e attraversamento fino alle coste greche;
2. Cefalonia, Zacinto, Peloponneso, Creta, Rodi, Cipro;
3. Arrivo ad Acri sulla costa della Terra Santa e proseguimento fino a Giaffa.

Costa Pugliese

Costa pugliese, torre di avvistamento

Arrivati nel porto di Giaffa, zaini in spalla, abbiamo proseguito a piedi fino al Santo Sepolcro facendo tappa a Ramla, Latroun, Abu Ghosh, Ain Karem, Betlemme e infine Gerusalemme.

A Giaffa si sono uniti a noi sei naviganti altri 2 pellegrini, Franco e Patrizia per il tratto via terra.

Il cammino è nato dal desiderio coltivato da tempo da tutti i partecipanti. Pellegrini e navigatori, arrivati a piedi fino a Santiago di Compostella e a Roma, a Monte Sant’Angelo e anche a Santa Maria di Leuca percorrendo la Via Francigena del sud. Per completare il cammino (il cammino perfetto: Santiago, Roma e Gerusalemme) mancava solo di poter attraversare il Mediterraneo, andando al di là del mare con una vela, affidandosi alla Provvidenza che ha preso il volto di Zefiro e Nettuno, mescolando la favola e il mito alla Fede che ha mosso nel profondo la maggioranza di noi. Siamo partiti con la volontà di incontrare, di condividere; nel rispetto delle tradizioni, della cultura e delle differenti posizioni religiose per arrivare lì dove tutto ha acquistato un senso.

Acri

Porto di Acri

Tutto passa e tutto rimane
però il nostro è passare,
passare facendo cammini
cammini sopra il mare.

Viandante sono le tue impronte
la via e nulla più:
Viandante non c’e un cammino
si fa il cammino camminando.

Camminando si fa il cammino
e voltando indietro lo sguardo
si vede il sentiero che mai
si tornerà a calcare.

Viandante non c’è una via
ma scia sul mare …

(A. Machado)

sciesulmare1

Scia sul mare… come un basolato, come su una vecchia strada pellegrina

Annunci

21 thoughts on “L’Outremer

  1. E’ bello, volerlo e poterlo fare questo cammino, ma siamo solidali idealmente con chi lo fa, nel nome di un altro camminatore eccezionale: Gabriele, scomparso solo un anno fa…

  2. Buongiorno Monica e a tutti gli altri pellegrini,
    Sono contento per voi, Auguro che proviate la stessa gioia dei pellegrini di un tempo quando partivano pe la terra dove ha vissuto il nostro Creatore.
    Vi penserò e pregherò, ogni sera, perchè tutto il viaggiosia secondo la Sua volontà e al vostro arrivo, possiate ottenere la grazia che vi sta più a cuore.
    Mario Collino piccolo pellegrino e vecchio scout.
    Grazie perchè so che ci porterai nel tuo cuore anche tutti noi pellegrini della Confraternita.
    Grazie anche perchè nella foto dal Monte Tabor, c’è anche il mio cappello.

  3. Ciao! Finalmente ho trovato il blog! Saluti da tutto lo staff Infermieristico dell’ospedale di Gavardo! Supportiamo tutta la squadra ma in modo particolare la nostra dr.ssa Silvia! Buon proseguimento del cammino…!

  4. Sono con voi e vi auguro buon viaggio. Che Dio vi accompagni, vi guidi e vi illumini lungo tutta la strada. Vi benedico e vi auguro di raggiungere il vostro obiettivo.

  5. Siamo felici per te, carissima Monica, emozioni nuove da scoprire….dev’essere fantastico vivere un sogno cullato da tempo eh?? Non prenderci troppo gusto però, noi vogliamo pellegrinare con te per strade e campi !!! Ciao un grande abbraccio Elvia e Alberto. Ultreya

  6. Ciao cari Silvia e Beppe, vi auguro il meglio da questo fantastico viaggio: per l’anima per la mente e per lo Spirito! Un in bocca al lupo ragazzi a voi e tutti i vostri compagni di viaggio! Mi dispiace però non potervi incontrare… Un forte abbraccio e vento in poppa. 😉 Walter Antinori.

  7. E’ sempre un piacere trovare luoghi per condividere le esperienze del pellegrinaggio verso la Terra Santa. E’ straordinario anche il modo con il quale ho conosciuto il tuo blog , facendo browsing per la mia collezione. Imparare umilmente da ogni esperienza, ci fa capire la vera essenza di quel pellegrinaggio. Un saluto alla Terra Santa e a tutti voi.

  8. Ciao Monica,
    ti immagino vicina o già arrivata alla meta. Bellissima e straordinaria esperienza umana che diventa autentica esperienza spirituale. Buona strada anche per questa esperienza di pellegrina e di scout…marinara!
    Saverio

  9. Cara cugina ti ho trovato e gia’ sei in partenza……. Buon viaggio e tienici aggiornati su quello che trovi. La zia aspetta con impazienza notizie della sua terra natale! Daiiiiiii!!!!!

  10. bravi, spero per voi incontri sereni, scambi di altre verità, e la gioia della serenità. spetto di conoscere tutti i dettagli di questa meravigliosa avventura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...